Orlando chiede il commissariamento del teatro Massimo

Braccio di ferro tra il sindaco di Palermo e presidente e il soprintendente Antonio Cognata: "Siamo in presenza di una condizione gravissima"
Palermo, Cronaca

PALERMO. Braccio di ferro tra il sindaco di Palermo e presidente del teatro Massimo Leoluca Orlando e  il soprintendente Antonio Cognata. «Chiedo che venga commissariato il teatro - ha detto Orlando durante la conferenza stampa convocata a Villa Niscemi per fare il punto sulla situazione del teatro Massimo -. Senza un intervento di commissariamento sarò costretto a non fare il presidente, mi rifiuto. Firmerò soltanto gli atti urgenti». 

Riferendosi alle proteste delle maestranze che da alcuni giorni manifestano all'interno del teatro e che il sindaco ha incontrato stamattina ha detto: «Siamo in presenza di una condizione gravissima, che ha trovato l'ennesima conferma in quanto accaduto ieri in teatro, dove il sovrintendente, pur non essendo il legale rappresentante dell'ente, ha chiesto lo sgombero forzato». «Sono stato informato dal questore - ha sottolineato il sindaco - a cui ho fatto presente che sono il presidente dell'ente e che ho revocato tutte le cariche manifestando stupore perchè un sedicente rappresentante (il riferimento è al soprintendente Antonio Cognata ndr) ha chiesto questo intervento e ho detto al questore di soprassedere perchè oggi avrei incontrato i sindacati».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook