Truffa all'Inps, condannato un impiegato

Creando pensioni fantasma, Simone Caputo, aveva incassato assegni per quasi due milioni di euro, tra il 2006 e il 2011. Arrestato e licenziato senza preavviso, ora condannato dalla Corte dei conti
Palermo, Archivio

PALERMO. Creando posizioni pensionistiche fantasma all'Inps, tra il 2006 e il 2011 aveva incassato assegni per un milione e 816mila euro. Scoperto nel 2011, l'impiegato infedele venne arrestato per frode informatica, truffa aggravata e falso materiale in atti e licenziato senza preavviso. Ora per Simone Saputo, 60 anni, palermitano ma residente a Cinisi, è arrivata anche la condanna della Corte dei conti che gli intima di restituire la somma, maggiorata di rivalutazione monetaria e interessi legali, e converte in pignoramento il sequestro conservativo dei beni autorizzato già nel dicembre dello scorso anno dal presidente della Sezione giurisdizionale: un quinto del Tfr, un quinto della pensione e un immobile a Cinisi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X