Mafia, la Gdf confisca beni per oltre 5 milioni di euro

Confiscati dodici immobili per circa 3,3 milioni di euro sono stati sottratti a un narcotrafficante palermitano di 41 anni. Sequestro di beni per un valore di oltre 2 milioni di euro a un imprenditore di 56 anni, appartenente alla famiglia mafiosa di Carini
Palermo, Cronaca

PALERMO. Patrimoni per un valore complessivo di 5,3 milioni di euro sono stati confiscati dai finanzieri del Gico e del nucleo di polizia tributaria di Palermo, in esecuzione di provvedimenti emessi dalla sezione misure di prevenzione del tribunale, a seguito di indagini economico-patrimoniali eseguite dalle Fiamme gialle.
Beni per circa 3,3 milioni di euro sono stati sottratti a un narcotrafficante palermitano di 41 anni, già condannato in via definitiva per rapina, spaccio ed associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga (in particolare hashish, ecstasy e cocaina rifornita ai locali della "movida" palermitana).
Confiscati dodici immobili nei quartieri di Palermo Settecannoli, Brancaccio, Croceverde-Giardini e Resuttana-San Lorenzo, acquistati nel tempo grazie al reimpiego dei proventi del narcotraffico. Interessato, invece, da un provvedimento di confisca di beni per un valore di oltre 2 milioni di euro, un imprenditore di 56 anni, appartenente alla famiglia mafiosa di Carini, accusato di aver avuto stretti contatti anche con l'ex latitante Salvatore Lo Piccolo: ha fatto da "prestanome" e ha riciclato ingenti somme di denaro sporco, mettendo a disposizione della cosca le sue due rivendite di elettrodomestici a Carini.
Lo stesso, già gravato da condanne per bancarotta, scommesse clandestine ed estorsione, nel 2007 è stato arrestato per associazione mafiosa nell'ambito dell'operazione di polizia denominata "Occidente", che ha interessato il mandamento mafioso di San Lorenzo-Tommaso Natale. In tale contesto è stato successivamente condannato a 4 anni e 6 mesi. A suo carico sono stati confiscati una lussuosa villa con giardino a Carini, un appartamento e due depositi nella zona Malaspina di Palermo.

AGGIORNAMENTO DELLE 12.59. La confisca ha interessato Vincenzo Curulli e Giuseppe Picciurro, nonché i loro familiari. Al primo sono stati sottratti una villetta a Carini (PA), un magazzino a Palermo, in via Malaspina 221; un cantinato in via Cimarosa 3/a-5/b; un appartamento in via Girolamo di Martino 14. A Picciurro confiscati a Palermo un fabbricato di via Messina Marine 461/a 463; un appartamento di via Campini Archimede 5; un fabbricato in contrada Croceverde Giardina; un palazzo in via Gioé 62 e numerosi conti correnti e rapporti bancari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook