Palermo, i comici danno voce alla periferia

Serata di divertimento con alcuni cabarettisti. Ed ecco una ludoteca allo Zen
Palermo, Archivio

PALERMO. Una serata all'insegna del divertimento per uno scopo benefico. Nell'atrio di palazzo Petrulla, in via Torremuzza a Palermo Amunì Onlus, associazione Mani Unite, ha organizzato un evento, patrocinato dall'assessorato al Turismo,  per dar voce alla periferia. Un progetto per il futuro.
Franco Alioto, insieme ai 14 membri dell'associazione, hanno pensato infatti, dopo numerosi progetti nel sud America, specie in Perù dov'è stato ricostruito in poco meno di due anni un poliambulatorio, di realizzare un progetto anche in città. Partendo dall'estrema periferia, dallo Zen. Una ludoteca da creare all'interno dei locali della parrocchia omonima al quartiere Zen e riuscendo anche a realizzare arredi idonei all'accoglienza di 100 bambini che vivono quotidianamente le strade del quartiere.
Tra i comici, anche Gianni Nanfa e Dario Veca, Toti e Totino, il flamenco di Lucy Lombardo e le impressionanti esibizioni di Christian Carapezza che tra salti sul vetro e illusioni, hanno reso divertente l'atmosfera del piccolo atrio del teatro Ditirammu.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X