Un occhio al mare e uno al portafoglio: vacanze e relax a due passi da casa

L'effetto crisi spinge sempre più palermitani a concedersi una meritata vacanza ma stando attenti al portafoglio. Le mete preferite sono le spiagge vicino casa, come Sferracavallo e Barcarello, piuttosto che posti più lontani e costosi. Tornano le storie dei bagnanti pubblicate anche tra le pagine della rubrica "Tutti al mare" del Giornale di Sicilia
Palermo, Archivio

PALERMO. C'è chi attende le tanto agognate ferie e, appena può, scappa dalla routine quotidiana per un tuffo refrigerante in un'acqua dal colore ancora cristallino. E chi, invece, è
già tra i "fortunati" a riposo, che hanno scelto la prima metà di luglio per una vacanza senza stress e lontano dal pienone delle spiagge tipico del mese di agosto. In più, molti rinunciano a partire per via della crisi "svuota-portafoglio" e preferiscono rimanere nei paraggi di casa propria. Pare infatti, secondo l'Adoc, che solo il 20 per cento degli italiani potrà permettersi di riempire la valigia alla volta di mete lontane. Una cosa è certa. La voglia di mare cresce per tutti, dai più piccoli agli anziani. A Sferracavallo, in tanti hanno sfidato le temperature equatoriali di ieri con la colonnina di mercurio che ha sfiorato i trentasette gradi, per godersi un po' di meritato relax.

Appuntamento in Sicilia
Stessa spiaggia, stesso mare. Non è il ritornello del famoso brano di Edoardo Vianello che ha scalato le classifiche musicali degli anni Sessanta, ma una consueta realtà per due cugine con radici siciliane. Marianna Profeta vive a Pisa, mentre Serena a Roma e si incontrano ogni estate a Palermo, dove vivono alcuni dei loro parenti. La meta preferita dove dedicarsi alla tintarella? Gli scivoli di Sferracavallo, ma anche Mondello e l'Addaura. "Veniamo qui da quando siamo bambine – raccontano – ed è una gioia ogni volta incontrarci in questi luoghi magici". E oltre al mare, del capoluogo, non riescono a resistere al cibo. In primis, le "cassatelle" con la ricotta, tipico dolce siciliano.

Una passione lunga tre generazioni
Un mini-gommone per una piccola ed instancabile amante del mare. Vittoria Pantaleone fa il bagno con un'amica di fronte alla casa in cui la sua famiglia vive da 3 generazioni. "Villeggiamo da 20 anni a Sferracavallo – racconta la mamma Viviana – è un posto a cui particolarmente siamo legati".
La passione baywatch si tinge di rosa
Una "baywatch" stile mediterraneo. Ha seguito le orme dei cugini che fanno ogni estate i guarda-spiagge e, ormai da tre anni, Gloria Spina si diletta a fare salvataggi presso lo storico lido Sferracavallo. "Per me è un divertimento – dice – ancora prima che un lavoro". Fino ad ora, fortunatamente, nessuna emergenza in acqua. Tranne "qualche bambino che perde il braccialetto gonfiabile – racconta – e così lo recuperiamo con il pattino per raggiungere la riva".
Dal cielo ai fondali
Da assistente di volo ad esploratrice curiosa dei colorati fondali del mare di "casa nostra". Quando si ferma a Palermo, sua città natale, tra un volo internazionale e l'altro, Luisa Ciulla abbandona le mascherine dell'ossigeno che solitamente mostra ai passeggeri a bordo dell'aereo, per indossare quella da sub con il boccaglio alla ricerca della flora e della fauna locale. "Ho visto molti saraghi e orate – dice – sto imparando a conoscere i pesci, oltre a dilettarmi a fare lunghe nuotate da un lido all'altro".

Una doccia contro il caldo
La città stretta nella morsa dell'afa. Ma Monica Vitti non si scoraggia e si rifugia al circo lo balneare Playa Bonita – Areja alla ricerca di un po' di ristoro. Per sfuggire al caldo asfissiante della città, tra un tuffo e l'altro, sceglie il tubo per sciacquarsi dall'acqua del mare. Ogni tanto, però, viene colta…alla sprovvista.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook